Home Mappa del sito




Calendario annuale Eventi - 4 Stagioni

Regolamento Comunale Consulte Di Quartieri E Frazioni

Dimmi Dove

Previsioni meteo

Quaderni di Storia locale

Passeggiata per Montorio tra Storia e Cultura
  Sei in : Home -> Statuto  
 

LA STRUTTURA FUNZIONALE DEL COMUNE

CAPO PRIMO

 UFFICI E SERVIZI

Art. 20

Uffici e personale

1.       L’organizzazione degli uffici e dei servizi è informata a criteri di autonomia, funzionalità efficienza ed economicità di digestione e secondo principi di professionalità e responsabilità. La dotazione organica del personale è disciplinata dal regolamento sull’ordinamento degli uffici e servizi, approvata dalla Giunta seconde le vigenti disposizioni di legge; la dotazione organica nel rispetto dei criteri e principi suddetti, dovrà assicurare un alto grado di flessibilità delle strutture al fine di consentire la continuità dell'azione amministrativa del Comune.

2.       Il Comune adegua la propria strutturazione funzionale e l’organizzazione del personale, ai principi contenuti nel D, Lgs. 3 febbraio 1993, n. 29, e successive modifiche ed integrazioni. In particolare in riferimento a ciò che concerne la separazione fra definizione politica degli obiettivi e gestione dei servizi affidata, secondo le richiamate disposizioni, alla dirigenza.

3.       La copertura dei posti di responsabili dei servizi e degli uffici, di qualifiche dirigenziali o di alta specializzazione, a seguito di deliberazione del Consiglio comunale, può essere effettuata mediante contratto a tempo determinato di diritto pubblico o, eccezionalmente e con deliberazione motivata, di diritto privato, fermi restando i requisiti richiesti dalla qualifica da ricoprire.

4.       Restano ferme le competenze del Sindaco, di cui all'articolo 36, comma 5, legge n 142/90, come sostituito dell'articolo 13 della legge n. 81/93.

5.       L’Amministrazione del Comune, per il perseguimento dei propri obiettivi, impronta la sua attività ai seguenti principi:

  1. organizzazione del lavoro per progetti, obiettivi e programmi;
  2. analisi e verifica della produttività e grado di efficienza di tutti gli elementi dell’apparato;
  3. responsabilità dell’autonomia gestionale dei soggetti;
  4. flessibilità e collaborazione nell’ambito delle competenze delle strutture e del personale.

Art. 21

Responsabili degli uffici e servizi

1.       I responsabili degli uffici e dei servizi sono nominati dal Sindaco ed individuati organicamente nel regolamento sull’Ordinamento degli uffici e dei servizi.

2.       Essi provvedono all’organizzazione ed alla gestione dell’attività nelle strutture loro assegnate, secondo i principi di legge e del presente Statuto, nonché in base alle disposizioni ed indicazioni degli obiettivi del Direttore generale ove nominato e secondo le direttive impartite dal Sindaco e dalla Giunta.

3.       Essi stipulano, in rappresentanza dell’Ente, i contratti deliberati, approvano i ruoli dei tributi e dei canoni, gestiscono le procedure d’appalto e di concorso, approvano gli atti di gestione finanziaria.

4.       Provvedono altresì al rilascio delle autorizzazioni o concessioni e svolgono le seguenti funzioni:

  1. presiedono le commissioni di gara e di concorso ed assumono la responsabilità dei relativi procedimenti;
  2. rilasciano le certificazioni e le attestazioni;
  3. emettono le comunicazioni, i verbali, le diffide ed altri atti di conoscenza, ivi compresi bandi di gara e pubblicazione degli strumenti urbanistici;
  4. provvedono alle autenticazioni ed alle legalizzazioni;
  5. pronunciano le ordinanze di demolizione di manufatti abusivi, curandone l’esecuzione;
  6. emettono le ordinanze d’ingiunzione di pagamento, di sanzioni amministrative e dispongono l’applicazione di sanzioni accessorie nell’ambito delle direttive impartite dal Sindaco;
  7. promuovono i procedimenti disciplinari nei confronti del personale loro sottoposto ed adottano i provvedimenti nei limiti stabiliti dalla legge e dai regolamenti;
  8. danno pronta esecuzione alle delibere di Giunta e del Consiglio ed alle direttive del Sindaco;
  9. gestiscono l’orario di lavoro e gli istituti contrattuali del personale dipendente loro sottoposto, secondo le disposizioni di legge e contrattuali;
  10. rispondono del mancato raggiungimento degli obiettivi loro assegnati.

5.       I responsabili degli uffici e dei servizi possono delegare le loro funzioni al personale ad essi sottoposti, salvo a rimanerne comunque responsabili con riferimento al loro regolare svolgimento.

6.       Il Sindaco può conferire ai responsabili degli uffici e dei servizi ulteriori funzioni non previste dallo Statuto e dai regolamenti, impartendo contestualmente le necessarie direttive per il loro corretto espletamento.

Art. 22

I servizi pubblici locali

1.       Il Comune - nell'ambito delle funzioni e delle finalità così come definite dall’art. 4 – provvede alla gestione dei servizi pubblici che abbiano per oggetto la produzione di beni ed attività rivolte a realizzare fini sociali e a promuovere lo sviluppo economico e civile della comunità locale.

2.       Il Comune può gestire i servi pubblici nelle seguenti forme:

  1. in economia, quando per le modeste dimensioni o per le caratteristiche del servizio non sia opportuno costituire una istituzione o un’azienda;
  2. in concessione a terzi, quando sussistono ragioni tecniche, economiche e di opportunità sociale;
  3. a mezzo di azienda speciale, anche per la gestione di più servizi di rilevanza economica ed imprenditoriale;
  4. a mezzo di istituzione, per l'esercizio di servizi sociali senza rilevanza imprenditoriale;
  5. a mezzo di società per azioni anche a capitale pubblico locale minoritario, secondo le disposizioni di cui all'art. 12 della legge 498/92 e con le modalità previste dall’art. 4 del D.L. n. 26/95, convertito nella 95/95 e dal regolamento di attuazione, qualora si renda opportuno, in relazione alla natura del servizio da erogare.

 

Art. 23

 Aziende speciali e istituzioni

1.       Il Consiglio di Amministrazione dell’azienda speciale e dell'istituzione è composto da cinque membri che eleggono nel proprio seno il Presidente.

2.       Il Consiglio Comunale elegge il Consiglio di Amministrazione dell'azienda speciale e dell'istituzione scegliendo i membri tra esperti del settore e tra tecnici di amministrazione, esterni al Consiglio stesso e che siano eleggibili a Consiglieri Comunali. L'elezione avviene con voto limitato a tre membri dopo la votazione di un documento programmatico d’indirizzo. In caso di inosservanza degli indirizzi programmatici o di rottura del rapporto fiduciario, il Consiglio Comunale può revocare gli amministratori secondo le norme sulla sfiducia costruttiva alla Giunta Comunale.

3.       Il direttore dell'azienda speciale e dell'istituzione al quale compete la responsabilità gestionale è scelto per pubblico concorso.

4.       Le aziende speciali e le istituzioni informano la loro attività a criteri di efficacia, efficienza ed economicità ed hanno l'obbligo del pareggio economico del bilancio da perseguire attraverso l'equilibrio tra costi e ricavi, compresi i trasferimenti. Ad esse vanno garantite risorse finanziarie compensative in relazione a casi di gratuità del servizio erogato o a prezzi e tariffe inferiori al costo effettivo delle prestazioni che dovessero essere fissati dal Comune, dalla Regione o dallo Stato. Il bilancio evidenzia i costi e i ricavi di ciascun servizio.

CAPO SECONDO

 DIREZIONE DELL’APPARATO BUROCRATICO

Art. 24

Segretario Comunale

1.       Il Segretario Comunale, nel rispetto delle disposizioni di legge, del presente Statuto, dei regolamenti e delle direttive del Sindaco, da cui dipende funzionalmente:

  1. svolge compiti di collaborazione e funzioni di assistenza giuridico-amministrativa nei confronti degli organi dell’Ente in ordine alla conformità dell’azione amministrativa alle leggi, allo Statuto ed ai regolamenti;
  2. partecipa con funzioni consultive, referenti e di assistenza alle riunioni del Consiglio comunale e della Giunta e ne cura la verbalizzazione;
  3. può rogare tutti i contratti nei quali l’Ente è parte ed autenticare scritture private ed atti unilaterali nell’interesse dell’Ente;
  4. esercita ogni altra funzione attribuitagli dai regolamenti e conferitagli dal Sindaco.

Art. 25

Vice Segretario

1.       Il regolamento sull’ordinamento degli uffici e servizi di cui all’articolo 35 comma 2- bis della legge 8 giugno 1990, n. 142, può prevedere un vicesegretario per coadiuvare il segretario e sostituirlo nei casi di vacanza, assenza o impedimento.


Albo Pretorio

Polo Scolastico - Documentazione

Realizzazione Residenza Anziani

Emergenza terremoto 2009

Emergenza terremoto 2016

Piano di Ricostruzione

Microzonizzazione Sismica

Ufficio Territoriale Ricostruzione

Donazioni Sisma

Amministrazione trasparente

Fattrurazione Elettronica PA

Calcolo IUC

PEC - Posta Elettronica Certificata

Farmacia Comunale

Impresa in un Giorno

SUE online

S.U.A.P.


Archivio storico

Periodico

Area riservata